"Come una candela ne accende un'altra e così si trovano accese migliaia di candele, allo stesso un cuore ne accende un altro e così migliaia di cuori si accendono" L.N.Tolstoj

sabato 31 gennaio 2015

Sentiero notturno



















Care amiche, ieri mentre cercavo una tela all'Atelier ne è venuta fuori un'altra. Questa opera che fa parte della collezione privata di famiglia la cercavo da mesi, ieri voilà è spuntata tra le tele ancora intatte.L'ho eseguita tempo fa su tela grezza e poi preparata per accogliere i colori ad olio.Non avendo la cornice ne ho presa una che avevo a dispozione e l'ho inserita per fare la foto,  tra l'altro ho dovuto appoggiarla su un tavolo perchè avevo i cavalletti impegnati. L'opera si intitola
 " SENTIERO NOTTURNO"
Secondo voi, dove condurrà?

Un abbraccio a tutte

Emy

lunedì 26 gennaio 2015

Fiori nel vento











Care amiche, quando inizio un'opera con la spatola non mi fermo se prima non l'ho portata a termine. E' una sorta di trance artistica che mi induce a risvegliarmi solo alla fine.
Questi fiori sono nati dalla mia "arma" preferita, la spatola, che guidata dalle mie mani ha lavorato su un pannello di legno stagionato, ereditato da mio padre. Il risultato è quello che vedete, anche se la foto non rende giustizia a questi fiori scapigliati dal vento. Come vedete, la vostra curiosità è stata presto appagata!!

venerdì 23 gennaio 2015

Cosa sarà?


















Care amiche, certe volte mi prendono degli attacchi d'arte incontrollabili. Chi mi segue sà che i miei strumenti di lavoro sono le spatole, le preferisco ai pennelli perchè più dirette. Ne ho di tutti i tipi e dimensioni. Stamattina mentre ero intenta a disegnare un bozzetto di lavoro non ho resistito e armandomi di spatola ho cominciato a dare vita a questo pannello. Cosa ne verrà fuori?

lunedì 19 gennaio 2015

Piatto vintage






















 Care amiche,
 a volte per rilassarmi mi piace realizzare degli oggetti che portano la mia impronta artistica. Mi piace aprire la mia valigetta zeppa di schizzi e disegni e scegliere l'immagine che in quel momento mi ispira. In questo caso ho scelto una dama di fine 800. L'mmagine è volutamente non chiara per rendere al meglio l'effetto vintage. L'effetto non è male e a me non dispiace. Ma come sempre aspetto le vostre "critiche". Un abbraccio a tutte.
                                                                   
                                                                        Emyly


giovedì 15 gennaio 2015

Osho

  Quando ci specchiamo nell’altro, 
con gli occhi dentro agli occhi, 
riusciamo a riconoscere l’Uno, 
l’Infinito. 
Ed è allora 
che le nostre Anime iniziano a parlare, 
in silenzio.


Osho

mercoledì 14 gennaio 2015

Trompe l'oleil

Carissime, dopo qualche giorno, finalmente riesco a postare un lavoro che mi sta impegnando un pò.
Un Trompe l'oleil con una parte degli oggetti che più amo. Lavorato a più riprese, in questo 2015 mi sono imposta di finirlo. L'insieme non è male. Voi che ne pensate?

martedì 13 gennaio 2015

Anima




L'anima ha il suo rifugio nell'amore  
come tempio di un'avarizia terrena  
che gli dei non possono toccare, 
ma l'anima è anche parola, 
parola inconscia.  
E' sbagliato identificare l'inconscio  
con il tempo dell'anima:  
è un'altra stagione,  
è un altro nutrimento,  
ci si ciba di cose estranee all'ultima parola, 
di cose che non hanno ragione di essere 
eppure sono, 
di cose che sibilano come delle serpi 
e che invece sono angeli di illuminazione.

Alda Merini

mercoledì 7 gennaio 2015

Irlanda


Carissime, 
non c'è da stupirsi che i trifogli siano un simbolo dell’Irlanda. Secondo la leggenda, è considerata una pianta sacra, perché le sue foglie formano una triade, e il numero 3 era una cifra mistica nella religione celtica, e anche in quella cristiana. Quando il cristianesimo arrivò sull'isola, il trifoglio ha ripreso un ruolo importante in quanto si dice che San Patrizio cristianizzò l'isola attraverso il trifoglio, infatti sembra una croce, ogni foglia simboleggia la Santissima Trinità (Padre, Figlio e Spirito Santo).

 Ma oltre il trifoglio tra i più importanti personaggi della tradizione irlandese troviamo i classici folletti che abitano l'isola. I Leprechaun, esempio producono e riparano scarpe, e si dice che siano molto ricchi e in possesso di vasi pieni d’oro. Secondo la leggenda, se qualcuno riesce a fissare lo sguardo su un folletto, non può scappare e deve darvi i suoi tesori! Solitamente vengono rappresentati vestiti di verde con pipa e cappello.

martedì 6 gennaio 2015

Castelli

http://www.grifoni.org/sites/default/files/fantasmi-castelli-irlanda-urca-urca.jpg
Carissime, chi mi segue da tempo sa che adoro i castelli. L'irlanda mi ha sempre affascinata in modo particolare, forse perchè di castelli c'è ne sono tanti. Sorprendente che in un territorio così piccolo ci siano così tante fortezze. Ma anche perchè per quanto si conosca L'Irlanda resta sempre molto misteriosa. Ma sapete perchè ci sono così tanti castelli? Ebbene, fu per Edoardo VI, che promise una donazione di 10 sterline a chiunque costruisse un castello sull’isola perché voleva rafforzare i confini del suo regno. In men che non si dica si sono eretti castelli a iosa e tutti ma proprio tutti, nascondono  segreti, tradimenti, omicidi e storie affascinanti.

giovedì 1 gennaio 2015

Tigre






















Carissime, come primo post del 2015 vi mostro un quadro eseguito tempo fa su commissione di un'amica. Lavoro inusuale per me, ma non ho saputo dirle di no. Questo bel gattone si chiamava Tigre, un gatto, che a dispetto del nome che portava era docilissimo e faceva le fusa come non mai. Ora che non c'è più, sono contenta di averlo ritratto. Così la mia amica avrà per sempre il suo ricordo.