"Come una candela ne accende un'altra e così si trovano accese migliaia di candele, allo stesso un cuore ne accende un altro e così migliaia di cuori si accendono" L.N.Tolstoj

venerdì 26 dicembre 2014

La leggenda di S. Stefano

 

Secondo la leggenda, tra i vari pastori accorsi ad adorare Gesù Bambino, c’erano anche delle donne che avevano portato i propri bambini affinché Gesù li benedicesse. Tecla, una giovane sposa, non aveva figli, ma desiderava tanto averne uno. Per non essere da meno delle altre, prese una grossa pietra, l’avvolse in uno scialle, mise sulla sommità una cuffietta e se la teneva fra le braccia, proprio come se fosse stato un bambino appena nato.
Vedendo Gesù così bello e sorridente, si commosse e scoppi in un pianto a dirotto intanto che si trovava in ginocchio, davanti alla capanna. Quando si alzò per ritornare a casa, Maria, che aveva letto nel suo cuore comprendendo il suo innocente inganno le domandò:”Tecla, che cosa porti in braccio?”

Sentendosi scoperta, la donna rispose: “Allatto un figlio maschio.” Allora la Madonna le disse: “Su, scopriti il seno e allatta tuo figlio; da questo momento il tuo desiderio é stato esaudito. La tua pietra é diventata un bel bambino.”La donna scostò lo scialle che avvolgeva la pietra e rimase meravigliata per il miracolo che era stato compiuto per lei: tra le braccia aveva il suo primo figlio.
“Ricordati però”, le disse ancora Maria, “che egli é nato da una pietra e morirà a colpi di pietra.”
Questo bambino fu chiamato Stefano, divenne discepolo di Gesù e fu il primo ad affrontare il martirio.

5 commenti:

  1. Bella questa leggenda; non la conoscevo.

    RispondiElimina
  2. Grazie di averla condivisa, mi piacciono tanto le storie dei Santi.
    Buone feste.

    RispondiElimina
  3. Ciao ragazze, mi fa piacere che vi sia piaciuta. Grazie per essere passate a farmi visita alla maison. Vi auguro un buon proseguimento delle feste. A presto.
    Emy

    RispondiElimina
  4. Ciao Emy,
    Stefano è il nome di mio nipote, primo figlio di mio fratello, adessoo ventiseienne.
    Ho letto con tenerezza questa bella leggenda.
    Saluti e auguri
    Fata Confetto

    RispondiElimina
  5. Ciao Fata Confetto,
    benvenuta alla Maison.Mi fa piacere iniziare un nuovo anno con una nuova amica. :) Stefano è anche il nome di mio figlio. Un saluto anche a te e auguri per questo nuovo anno.
    Un abbraccio
    Emy

    RispondiElimina

Un pizzico di fortuna Indaco a chi lascerà un commento!