"Come una candela ne accende un'altra e così si trovano accese migliaia di candele, allo stesso un cuore ne accende un altro e così migliaia di cuori si accendono" L.N.Tolstoj

venerdì 17 gennaio 2014

ASSENZA DI TE

Sette anni sono trascorsi da quel fiorno di primavera.
Un tempo senza ore, surreale, distorto: d'improvviso un inverno in anticipo rivestì di gelo le pareti della stanza e dell'anima.
Da quel momento ho imparato a respirarti nell'assenza.
Ho disteso manciate di stelle sull'erba
per trovarti.
Ho sbriciolato nuvole in coriandoli
per scorgere i tuoi occhi di cielo.
Ho offerto il mio corpo al vento
per abbandonarmi nel tuo abbraccio segreto.
Ho quietato il canto dei grilli
per udire la tua voce. 

Ho scritto parole vestite di ricordi
per riempire il vuoto.
Mancanza di te che colmo con l'amore che mi hai dato, vibrazioni fluide distillate dal dolore dell'anima, come schegge di cristallo le appendo al soffitto legate a fili di emozioni, oscillanti bagliori d'infinito. E mi incanto ad osservare il gioco di luci e colori sulle opere che hai creato, con il cuore pieno di Te.
Anche nell'assenza: E' così facile amarti Papà!


E. C. 

Nessun commento:

Posta un commento

Un pizzico di fortuna Indaco a chi lascerà un commento!